Comunicato NOGrandiNavi e AmbienteVenezia del 13 novembre sulle dichiarazioni di Romano Prodi e il MOSE

Insopportabile che Prodi abbia ancora il coraggio di aprire bocca!
Di fronte alla tragedia di questa notte, con la più grande “acqua granda” dopo il 4 novembre 1966,
con un morto a Pellestrina e danni incalcolabili alla città, alle attività economiche, ai monumenti e
con Venezia insulare in ginocchio, il Sindaco Brugnaro dichiara lo stato di emergenza e chiede al
Governo di dare una mano per finire al più presto il Mose, il sistema di dighe mobili che dovrebbe
tenere il mare fuori dalla Laguna salvaguardando la città e i suoi abitanti.
Ma in città tutti sanno che il Mose non è la soluzione, è il problema!
Visto anche, tra l’altro, che gli scavi e la cementificazione delle bocche di porto per installare le
paratoie ha prodotto il cambio delle correnti ed aumentato la velocità di ingresso del mare in
Laguna.
Romano Prodi, ieri presente a Venezia nell’isola di San Giorgio ad una conferenza, dichiara
“inconcepibile che non ci sia il Mose, doveva essere finito quindici anni fa”. Lui, il maggiore
responsabile della decisione, nel Comitatone del novembre 2006, di proseguire con il Mose
nonostante le innumerevoli criticità del progetto evidenziate nella Valutazione di Impatto
Ambientale negativa del 1998 e di fronte ad altre soluzioni proposte dal Comune di Venezia
alternative al Mose, meno impattanti dal punto di vista ambientale e più economiche, ha ancora il
coraggio di parlare di fronte alle evidenze; di fronte al più grande scandalo del secolo consistente in
sei miliardi di € (di cui uno in tangenti e corruzione) buttati in un’opera inutile e dannosa che non
funzionerà mai e che, se solo dovesse funzionare, comporterebbe una spesa per la manutenzione di
100 milioni di € l’anno e di fronte ai cambiamenti climatici che producono l’innalzamento dei mari
(il livello medio del mare in Laguna si è innalzato di ben 35 cm. negli ultimi decenni) le paratoie del
Mose sarebbero inservibili.
Già in questi giorni di acque alte eccezionale si sarebbero dovute tenere chiuse le paratie per ore e
ore, per giorni interi, ma questo avrebbe comportato l’annullamento del ricambio idraulico, con
conseguente soffocamento della laguna (viene a mancare l’apporto di nutrienti, con riduzione delle
capacità depurative e ossigenanti nonché di quelle di vivificazione delle parti più interne) oltre che
alle pesanti penalizzazioni per l’attività portuale: altro che grandi navi a Venezia … per l’ingresso
delle quali si vorrebbe continuare scavare vecchi e nuovi canali navigabili.
Il Mose non è la soluzione è il problema!
Venerdi 15 novembre alle 17.00 nella sede delle associazioni a San Lorenzo riunione del Comitato
No Grandi navi già convocata per organizzare l’assemblea a Sala San Leonardo del 23
novembre che doveva fare il punto sulla vertenza “grandi navi a Venezia”, ma che potrebbe
diventare una assemblea popolare per fare il punto anche sull’”acqua granda” di questi giorni, il
Mose e la salvaguardia della Laguna di fronte all’emergenza climatica e potrebbe rilanciare il quarto
sciopero climatico del 29 novembre di Friday For Future.

Comitato NoGrandiNavi – Laguna Bene Comune
Associazione AmbienteVenezia

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

    *

    x

    Check Also

    REPORT ASSEMBLEA NAZIONALE RETE 23 M

    ...