Beppe Caccia: Il presidente del Porto non forzi la mano, la città va rispettata

É positivo il bilancio per la città di quanto si è riusciti ad ottenere con la delibera per l’Accordo di programma su San Basilio, che andrà concordato tra Comune e Autorità Portuale. Il provvedimento, votato dal Consiglio Comunale, prevede infatti non solo l’arrivo a San Basilio (nell’attuale Stazione passeggeri) di una linea del tram, ma anche l’integrazione nel tessuto urbano di gran parte della banchina di San Basilio (che diviene così l’ideale e fruibile prolungamento delle Zattere), aprendo ulteriori varchi nel muro che divide il quartiere di Santa Marta dalle aree portuali, e la possibilità di programmare interventi di edilizia residenziale nell’area ex Italgas. E stato definitivamente chiarito – cancellando la previsione di 28.000 metri cubi edificabili tra Santa Marta e San Basilio – che su quella banchina attraccheranno imbarcazioni di piccole e medie dimensioni, del tutto compatibili con il contesto lagunare. Infine, qualsiasi ipotesi di realizzazione di strutture per parcheggi sul molo di Levante della Marittima sarà subordinata al rigoroso rispetto delle norme della L’OPINIONE II presidente del Porto non forzi la mano, la città va rispettata Variante al Prg vigente, del Pat appena approvato (in particolare l’articolo 35 bis sulla portualità) e del futuro Piano regolatore portuale, che dovrà essere redatto d’intesa tra Comune e l’Autorità Portuale, come prevede la legge 84 del 1994 e lo stesso Pat. A questo proposito, è importante che il presidente dell’Apv eviti qualsiasi inutile forzatura nella riunione prevista per oggi del Comitato Portuale: non ci può essere l’approvazione di un Piano delle opere del Porto che non tenga conto di quanto previsto dalla pianificazione urbanistica del Comune, non ci può essere un Piano del Porto che si contrapponga agli obiettivi che la Città, democraticamente, si è data. In particolare il presidente Costa non può pensare di imporre, anticipando furbescamente un confronto che il sindaco ha richiesto si svolga con il nuovo governo e tutte le autorità competenti, il mantenimento da qui all’eternità del traffico delle grandi navi in Marittima o lo scavo del canale Contorta Sant’Angelo.

Beppe Caccia consigliere comunale Lista “in comune”

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

    *

    x

    Check Also

    Venezia e il suo MOSE, storia di un fallimento

    ...