Lettera aperta contro la presenza contemporanea di 12 navi passeggeri, un record per la Marittima.

Venezia 14 settembre 2013

Gentili signori,

il prossimo 21 settembre vedrà la presenza a Venezia di 12 navi passeggeri, un record, per la Marittima.

Si tratta di 771.987 tonnellate complessive di stazza lorda; di 19.539 passeggeri e 8.370 membri d’equipaggio, che assieme fanno 27.909 persone, ovvero circa la metà dei cittadini veneziani tutti concentrati in un colpo solo a San Basilio; di un muro di ferro, messe in fila l’una dietro l’altra le navi, di 2 chilometri e 800 metri.

Ad ogni passaggio di grandi navi il livello dell’acqua nei rii limitrofi cala di 20 centimetri, dunque il 21 avremo 24 alte e basse maree.

Avremo notevoli disturbi per il rumore per gli abitanti di Santa Marta e un forte inquinamento dell’aria.

I veneziani respireranno  quel giorno almeno 1,3 tonnellate di polveri sottili (Pm 2,5) e 30 tonnellate di ossidi d’azoto, estremamente nocivi per la salute e cancerogeni.

Chiediamo che

1. venga fatto un adeguato monitoraggio dell’aria il giorno 21, posizionando le opportune stazioni di rilevamento e che i dati vengano forniti specificatamente per quella giornata.

2. che nello stesso giorno venga monitorato, in modo adeguato, il livello di rumore durante lo stazionamento delle navi.

3. che si prenda occasione per effettuare finalmente una valutazione degli effetti idrodinamici dovuti al dislocamento provocato dal traffico navale (più volte promessa, mai attuata e facilmente fattibile con le attrezzature usate per il Mose).

4. che si metta in opera il prima possibile un monitoraggio dell’inquinamento a seguito dell’uso da parte delle navi degli inceneritori di bordo, come avviene ormai in molti porti.

Comitato No Grandi Navi – laguna bene comune

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

    *

    x

    Check Also

    Venezia 29 settembre 2018 – Invito aperto ad un’assemblea nazionale dei comitati contro le grandi opere e per la giustizia ambientale

    ...