Ora Basta! Manifestazione No Grandi Navi alle Zattere

TUTTE E TUTTI ALLE ZATTERE, SABATO 8 GIUGNO, ALLE 16.

Per chiedere che le grandi navi vengano spedite fuori dalla Laguna.

L’incidente odierno, con lo schianto di una grande nave sulla banchina di S. Basilio, prova quello che sosteniamo da anni. La città e la laguna sono incompatibili con il passaggio di questi mostri. Non aspettiamo la tragedia, mettiamo fine a questa vergogna.
Tacitiamo i politici bugiardi che quest’oggi, dopo anni di asservimento alle compagnie e agli interessi di chi distrugge la città in nome del profitto, si sono tutti riscoperti no navi. Nessuno può permettersi di parlare. Brugnaro, Toninelli, Zaia e Musolino. Che tacciano e piuttosto ascoltino la città, quella che scende in acqua e in piazza da molti anni e che lo farà ancora una volta, sabato prossimo. E’ il momento di dire basta!

Troviamoci, per organizzare la mobilitazione, tutte e tutti all’assemblea pubblica del comitato, in programma mercoledì 5 giugno a Sale Docks, ai magazzini del Sale, Dorsoduro 265

 

Download (PDF, 1.19MB)

    2 commenti

    1. Buongiorno a tutti…
      Anche se non stó molto bene verrò con la mia compagna alla manifestazione.
      Sono di Mestre e mi scuso con i veneziani del centro storico per la mancanza di sensibilità dei veneziani di terraferma.
      Un saluto e un abbraccio a tutti voi.

    2. Cristina vianello

      No a marghera ma no anche a Lido San Nicolò. Rovinerebbe ancora di più i nostri maltrattati (Mose) litorali.

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

    *

    x

    Check Also

    Crociere e pandemia: l’ipotesi di attracco della Costa Victoria a Venezia

    Da giorni seguiamo inorriditi l'odissea delle navi da crociera divenute focolai di contagio, bloccate in mare, allontanate dai porti. La nostra solidarietà va ai dipendenti e alle dipendenti delle grandi compagnie – sfruttati e sottopagati e in questo momento esposti più che mai al contagio – e ai/alle passeggeri/e ignari dell’avidità con cui le multinazionali crocieristiche operano da sempre, anche e soprattutto in tempo di emergenza. Aggiornamenti e segnalazioni ci sono giunte, da parte di equipaggio e passeggeri, che denunciano gravissime lacune nella gestione dell'emergenza sanitaria da parte delle grandi compagnie, anche a fronte di casi di persone a bordo positive al test per il COVID-19.